venerdì 18 novembre 2016

Serie Tv: Breaking Bad


Sono un paio di settimane chiusa in casa, ho visto tutta la serie tv statunitense Breaking Bad. Che dire: Stupefacente! Non ho mai visto niente di così bello, intrigrante, meticoloso e perspicace. E pensare che non era nemmeno il mio genere: un drammatico che tratta il mondo della droga e dei narcotraficcanti; ma il cast, le scenografie, la trama è così fatta bene, che mi ha catturata, inglobata o meglio ancora “drogata” dalla prima alla quinta stagione: vedevo una puntata (45 min circa) una dietro l’altra, fino ad arrivare a 4h la mattina e 4h la notte a vedere Breaking Bad (si, sono pazza…..e soprattutto ho tanto tempo libero eh eh).

Va bene, dopo avervi premesso il mio entusiasmo per questa seria da voler condividere con voi, vi racconto nel dettaglio di cosa parla, per gli amanti delle serie tv che ancora non l’hanno visto e non se lo possono perdere per niente al mondo! (non è una minaccia anche se lo sembra eh eh….ma non ve ne pentirete dopo che ve ne avrò parlato).
Breaking Bad, ideato da Vince Gilligan, è una serie Tv statunitense, genere drammatico-thriller della durata di 5 stagioni. trasmessa in America e in Italia dal 2008 al 2013.

Protagonista assoluto è il professore di chimica Walter White, un uomo perbene con una famiglia perbene composta dalla moglie Skyler, in dolce attesa di una bambina e dall’adolescente Walter Junior, un ragazzo affetto da paralisi cerebrale infantile. La vita ordinaria di Walter, viene sconvolta quando scopre di avere un cancro ai polmoni, mettendolo in crisi. Il lavoro come insegnante non basta ad affrontare le difficoltà economiche, nemmeno con un secondo lavoro, in un autolavaggio è sufficiente; così la disperazione e l’ incontro casuale con l’ex studente Jesse Pinkman, spingono Walter a entrare nel mondo della droga e dei narcotrafficanti nel ruolo del “cuoco” ovvero cucinando la metanfetamina. Grazie alle sue eccellenti capacità intellettive e le sue conoscenze chimiche, il suo prodotto risulta puro al 99% diventando il più richiesto nel mercato della droga. Da questo momento in poi Walter e Jesse, mettendosi in società, guadagnano un sacco di soldi, ma dovranno affrontare mille difficoltà: psicopatici, drogati, uomini potenti, serial killer, bande criminali e il cognato di Walter, Hank, agente della DEA, che sta sulle tracce del misterioso Heinsenberg (alias di Walter White).
La vera chicca di questo telefilm sono proprio i suoi personaggi. Del cast, conoscevo solo l’attore che interpreta il protagonista Walter White, tutti gli altri per me erano sconosciuti. E’ stata una vera scoperta! Ora ve ne parlo, esprimendo le sensazioni trasmesse da ciascuno di loro:

il protagonista


- Walter White (Bryan Cranston) professore di chimica di un liceo, con una bella famiglia: moglie, figlio e seconda figlia in arrivo. Per arrotondare fa un secondo lavoro in un autolavaggio. Uomo umile, sottomesso e molto intelligente., ma nasconde un carattere davvero tanto forte. Bryan Cranston l’ho conosciuto in una serie Tv “Malcolm” che trasmettevano su Italia 1 nel pomeriggio tardo. Non mi faceva impazzire, anzi mi era super antipatico, insopportabile. Quando l’ho rivisto nel cast di Breaking Bad, stavo rinunciando a vederlo, perchè mi immaginavo una serie tv scadente come Malcolm e invece….un attore bravissimo, talentuoso, capace in una sola serie di 5 stagioni a trasmettermi diverse emozioni: solidarietà, tristezza, attrazione, odio, paura. E’ stato in grado di crearmi una crisi d’identità: in una stagione ero dalla sua parte; in un’altra provavo una forte antipatia. E’ stato il primo protagonista di un telefilm che è passato da buono a cattivo, e gli altri antagonisti da cattivi a buoni (obbiettivo principale di Gilligen e ci è riuscito alla grande). Ad un certo punto non ho capito più nulla: da che speravo che non venisse mai scoperto dalla Dea e dalle bande rivali, mi sono trovata a sperare il contrario, ovvero che lo beccassero e che gli davano una bella lezione. Insomma, sono super entusiasta e Bryan merita tutti i premi vinti e la fortuna che gli possa capitare, perchè ha dimostrato di essere un bravissimo attore capace di interpretare qualsiasi cosa.

La famiglia di Walter White


- Skyler White (Ann Gunn) moglie di Walter e sorella di Marie. E’ una donna bellissima, intelligente, assolutamente lontana dalle sexy simbol senza senso. Infatti, è l’unica attrice che durante le stagioni cambia il suo corpo, da magrissima e spigolosa a burrosa e formosa vicino a noi donne non perfette normali. Lei come attrice svela un potenziale assolutamente pazzesco e professionale. Oltre a cambiare il fisico, si evolve anche il suo profilo psicologico assolutamente conforme agli eventi che accadono. Da donna sicura e amorevole, passa a donna forte e protettiva, a depressa ed esaurita, ma con un istinto materno sempre presente. Ci sono momenti che non l’ho capita subito, forse perchè non ho figli, ma poi durante l’evolversi dei fatti mi sono sentita molto vicina a lei. Ho pure pianto per lei. Da lei ho capito tantissimo come noi donne, anche se intelligenti e forti, abbiamo una profonda fragilità che può essere infranta di fronte all’amore e permettiamo a certi “uomini” di metterci in crisi e di ridurci in polvere, disposte a sacrificarci pur di difendere affetti più cari come i figli. E non è giusto. Applauso per questa attrice bravissima.

- Walter Jr(Rj Mitte) figlio di Walter e Skyler. Sarà sicuramente un bravo attore, ma io non l’ho sopportato dall’inizio alla fine, sempre piagnucoloso e viziato.



- Hank Schrader (Dean Norris) è il cognato di Walter e agente della Dea. All’inizio è un fanfarone, sempre pronto a raccontare tutte le sue avventure e pavoneggiarsi. In realtà, è un uomo forte, perspicace e leale. Mostra un coraggio, una forza e un orgoglio incredibile. Alla fine della serie si rivela tutta la sua umanità. Io non l’ho amato subito, ma ho tifato tantissimo per lui verso la fine.

- Marie Schrader (Betsy Brandt) è la moglie di Hank e sorella di Skyler. E’ un personaggio che non ho capito veramente e soprattutto non ho capito tanto la sua funzione. Fin dall’inizio mi è sembrata scocciante, antipatica e senza senso; verso il finale in seguito a varie vicende della storia, mi ha fatto tanta tenerezza e mi sono pure pentita di averla criticata.


Il co-protagonista


- Jesse Pinkman (Aaron Paul) tossicodipendente e spacciatore, con due occhi bellissimi e un cuore grande. E’ uno dei personaggi che ho amato fin da subito. Ha un cuore d’oro e non gli interessa nulla dei soldi, anche se spaccia per arricchirsi. Quando incontra l’amore per ben due volte, è pronto a cambiare e migliorare se stesso. Si deprime quando lo perde e non c è droga, nè danaro, neppure party no stop che lo aiuta a sentirsi meglio. Con il suo personaggio, lo spettatore fa un viaggio di sola andata nel suo animo più profondo e umano. L’ho amato e lo amo tutt’ora. A differenza di White, è un personaggio lineare, con una propria personalità facile, purtroppo, da manovrare.

le donne di Jesse



- Jane Margolis (Krysten Ritter) è la prima compagna di Jesse. Una ragazza fragile, con una guerra infinita nel cuore tra lei e la droga. Ha un papà, Donald Margolis (John de Lancie),  che le sta molto vicino, e l’accompagna alle sedute di recupero, ma il suo grande amore di genitore non basta per aiutarla in questa guerra. Inoltre, ha un ruolo importante nella storia, anche se io ancora non ho capito a che è servito. Con Jesse perde guerra e riprende a drogarsi. Non posso dire molto dire per paura di spoilerare, però è un personaggio che mi ha affascinato e nello stesso tempo rattristato.

                             





- Andrea Cantillo (Emily Rios) è la seconda compagna di Jesse. Una bellissima ragazza latina, anche lei con problemi della droga e ha un figlio, Brock,  dolcissimo. Jesse sembra di trovare con lei e il suo bambino un equilibrio mentale e soprattutto riesce a smettere di drograrsi e iniziare una vita di coppia più sana. Purtroppo non durerà a lungo…..a bocca mia, taci! lei mi piace più di Jane, dolce e carina.

Gli amici di Jesse



- Brandon Mayhew (Matt L. Jones) e Skinny Peter (Charles Baker) sono gli amici sbandati e tossicodipendenti di Jesse, che lo aiutano a spacciare metanfetamina. Li adoro perchè sono simpatici, innocui e un pò imbranati. A loro si aggiunge un altro amico, Christian “Combo” ( Rodney Rush), non mi è simpatico, furbo, ma sarà fondamentale nella storia della serie e soprattutto legherà profondamente Walter a Jesse.

1° Banda Criminale: Il Cartello


- Tuco Salamanca (Raymond Cruz) è il primo cattivo, psicopatico, che Walter e Jesse dovranno avere a che fare fin dall’inizio della loro “carriera” nella droga. Il primo incontro di Walter con Tuco è stato epico. Da quel momento, Walter diventa ai miei occhi da imbranato a uomo cazzuto e soprattutto ho amato la chimica! Da questo incontro io ho capito il vero potenziale della serie, ha conquistato il mio cuore e vivevo solo per lei (si…sono matta).


- Don Hector (Mark Margolis) è un vecchietto paralizzato e muto su sedia a rotelle, comunica con la mimica facciale (sempre arrabbiato) e con un campanello (se suonato, la risposta è affermativa). All’inizio sembra un vecchio rimbambito, invece, dopo qualche puntata,  diventate un personaggio davvero importante ai fini della storia. Inoltre, ci sono degli spezzoni, dei flashback, che raccontano di lui, quando era giovane, ed era un criminale psicopatico e antipatico pazzesco facente parte del Cartello messicano.



- Don Eladio Vuente (Steven Bauer) leader del Cartello, ha un accordo con Gus Fring per la gestione del mercato della droga. Ma quando Gus inizia a vendere metanfetamina blu, la più richiesta sul mercato, Don Eladio vuole ricontrattare con Gus. Compare poche volte nella serie e sembra un tipico capo mafioso con una bella villa, soldi e macchine.


2° Banda Criminale: Los Pollos Hermanos


- Gustavo “Gus” Fring (Giancarlo Esposito) proprietario di una catena di fast food “Los Pollos Hermanos” e di una lavanderia, gestisce di nascosto un traffico di droga assolutamente ben organizzata. Un uomo d’affari cordiale, tranquillo, disponibile e solidale, sempre in prima linea per quanto riguarda la beneficenza; in realtà anche la sua personalità nasconde dietro un’apparente eleganza, un uomo ambiguo, oscuro, meticoloso, ma soprattutto orgoglioso…orgoglio che conserverà fino alla fine. E’ uno dei pochi personaggi che mi ha fatto partire l’ormone, soprattutto quando in una puntata molto particolare, fa scoprire un fisico niente male…. oltre ad essere affascinante d’aspetto, lo è anche nella postura, sempre elegante e composta. Il primo cattivo di una serie tv che ho amato e tifato fin da subito.



- Mike Ehrmantraut (Jonathan Banks) è l’investigatore privato e fidato collega di Gus con il compito di recuperare i soldi degli spacciatori e uccidere chiunque si mettesse contro Gus e la sua attività segreta. sinceramente non ho capito che correlazione c è tra Saul e Gus, non ho capito come lui si trovi a lavorare per entrambi, sta di fatto che mi ricorda il nonno di Silvestro Stallone! Fighissimo, astuto e fortissimo. E’ tra i cattivi, ma per me è buono. Lui lavora per i cattivi, solo per assicurare il futuro della nipotina che tanto ama. Insomma cuore di nonno. Il suo ruole nella serie è molto importante soprattutto per Walter e Jesse che li ha aiutati spesso. Io invidio assolutamente il suo self-control. Io ho tifato tantissimo per lui e del suo finale non sono per niente d’accordo! Non è giusto!!!!! Ad affiancare Mike sono Victor (Jeremia Bitsui) uomo fidato di Mike. Tramite il suo personaggio scopriamo il vero carattere di Gus e la sua pericolosità. Io rimasi a bocca aperta e con gli occhi chiusi per lo spavento! e Tyrus Kitt (Ray Campbell), altro uomo fidato di Mike che sostituirà Victor. Antipatico e nient’altro.


- Gale Boetticher (David Costabile) è l’assistente di Walter in sostituzione di Jesse. Sembra un tipo scrupoloso, pulito e preparato, mai quanto Walter, e sicuramente più tranquillo e ubbidiente di Jesse. Sembra un tipo ambiguo, con la passione per i musical e sensibile alla poesia. Ammira tantissimo Walter, tanto da dedicargli una dedica in un libro e ci rimane molto male quando Walter sceglie di nuovo Jesse. Mi sta simpatico, non trovo nulla contro di lui, solo tanta tenerezza.


- Lydia Rodarte-Quayle (Laura Fraser) è una socia di Gus e fornitrice di prodotti chimici ai fini per la produzione di metanfetamina. Sembra una donna vittima del potere di Gus, sempre spaventata del rischio e prudente ai massimi livelli. In realtà è una donna cinisca, senza morale, assettata di denaro e pronta a tutto, anche di far uccidere. Insomma, una donna insopportabile.


3° Banda criminale


- Todd Alquist (Jesse Plemons) un delinquente e assasino senza scrupoli, compie furti domestici coperto dalla ditta di disinfestazione per la quale lavora. Vuole entrare in società con Walter e Jesse, offrendo protezione da parte di suo zio Jack e la sua banda. Ha il visto d’angelo, ma in realtà è uno str****!Insopportabile e antipatico.



- Jack Welker (Michael Bowen), zio di Todd, è un criminale spietato a capo di una banda che lo segue ciecamente. Compare nella ultima stagione e l’ho odiato tantissimo, ma avrà un finale meritato. oh!


DEA


- Steven Gomez (Steven Michael Quezada) collega e amico fidato di Hank, lavora con lui alla Dea e sarà fondamentale per le ultime indagini del misterioso Heniseberg.

Personaggi secondari


- Saul Goodman (Bob Odenkirk) avvocato specializzato nel difendere le cause perse. Diventa socio e consigliere di Walter e Jesse. E’ un tizio strano, strampalato e divertente, ma conosce molto bene la legge e sa fare bene il suo lavoro. Io lo adoro, mi piace! Fa troppo morire dal ridere. Diciamo, che lui contribuisce a smorzare il tono un pò troppo drammatico della serie. Troppo troppo simpatico e non vedo l’ora di vedere lo spin-off dedicato a lui “Call Saulgoodman”.

- Huell Babineaux (Lavell Crawford) è la guardia del corpo di Saul Goodman. E’ enorme e con una testa strana. Ha le mani abili ed è molto scaltro. Sembra cattivo, invece è troppo simpatico.


- Ted Beneke (Christopher Cousins) datore di lavoro e amante di Skyler. Non è una persona cattiva, ma un uomo insipido ed egoista. Falsificava i libri contabili e anche se riesce a trovare il modo di saldare il debito fiscale, pensa bene di usare i soldi per comprarsi una nuova macchina. Dopo un “incidente”, la sua scena sparisce. Non si sa più nulla di lui. Per me un personaggio inutile, solo l’oggetto di vendetta di Skyler.


Mi auguro davvero che lo vedrete, perchè è una serie tv davvero bellissima, non per questo nel 2013 viene nominata 13° serie meglio scritta di tutti i tempi secondo il WRITERS GUILD OF AMERICA e ha vinto tanti premi: 16 Emmy Award, 8 Satellite Award, 12 Saturn Award,, 6 WGA Award, 5 TCA Award, 2 Golden Globe, 3 Screen Actors Guild Award, 1 Pga Award, 2 DGA Award, 2 Golden Globe, 3 Screen Actors Guind Award,, 1 PGA Award,, 2 DGA Award e 6 Critics’ Choice Television Award. (WIKIPEDIA).
Insomma tanta roba. Mi auguro di appassionarmi presto ad un’altra serie tv come questa. Mi mancherà Jesse e il prof. Walter.


Se vi è piaciuto o no questo post, se ci sono altre serie tv che volete condividere con me, non esitate a farmelo sapere nei commenti.
Baci K.
note: tutte le foto presente in questo post, sono state prese da Google Immagine.

3 commenti:

  1. Ciao! Bellissimo post, ben dettagliato..io ho visto la prima e la seconda stagione di questa serie e mi stava appassionando molto, poi ho abbandonato per mancanza di tempo..spero però di riprenderla presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie maria per il commento! molto gradito! ti auguro di trovare il tempo per rivederlo! non te ne pentirai!

      Elimina
  2. grandissima scelta e grandissima recensione!

    RispondiElimina

Esprimi liberamente il tuo pensiero, non c è nessuna moderazione nè il verifica parole. Può solo farmi piacere sapere cosa pensi ^__^. Se non vuoi perdere la mia risposta al tuo commento, clicca su "inviami notifiche" in basso a destra del box commenti, riceverai le notifiche per email.

Non perdetevi...

Giveaway 2017